Alcune marche di cosmetici apprezzate dalle adolescenti offrono prodotti anti-età con una composizione troppo aggressiva per la loro pelle. I dermatologi francesi invitano a interrompere l’utilizzo di questi prodotti (Aujourd’hui)

“Conoscete i prodotti Byoma?” Come spesso accade, Flora e Julie approfittano del loro mercoledì pomeriggio per curiosare tra gli scaffali di profumi e creme idratanti da Sephora. Potrebbero sembrare perse, sommerse dai prodotti. Invece, sanno benissimo cosa vogliono. Flora, 12 anni, vuole completare la sua “skincare”, ovvero la sua “routine di cura della pelle”. “Mi lavo il viso e applico un siero idratante ogni sera prima di dormire. Ora ho bisogno anche di una crema, anche se i miei genitori pensano che sia stupido”. La tendenza non è limitata alla Francia. Negli Stati Uniti, in Inghilterra o in Spagna, i negozi di cosmetici hanno visto l’arrivo di clienti di età compresa tra 8 e 14 anni con gusti già molto affermati. Tanto che è nato l’hashtag #sephoraldds, che ha accumulato migliaia di pubblicazioni su Instagram e TikTok. Accogliere una clientela così giovane in negozio fa sorgere delle domande. “Molte arrivano con uno screenshot dei prodotti che hanno visto su TikTok”, descrive una commessa di cosmetici a Nancy “cerchiamo di indirizzarle verso formule meno aggressive, anche se non tutte ci ascoltano necessariamente”.

Questa ricerca di una pelle perfetta, alimentata dai filtri dei social network, non è solo “inquietante per queste giovani consumatrici, ma anche dannosa”, avvertono i dermatologi. Perché dietro i vasetti di crema dai colori aciduli di alcune marche ci sono ingredienti che possono indebolire la barriera cutanea dei più giovani. Tra questi, il retinolo, che si trova nei sieri. Si tratta di un principio attivo anti-età molto potente e piuttosto irritante, che può essere utilizzato per le pelli mature. Ma anche alcune donne più anziane non lo sopportano. Proporlo alle adolescenti è inutile, se non addirittura dannoso”, stima Marie-Estelle Roux, dermatologa a Parigi. Un altro composto apprezzato da queste marche è l’acido salicilico. Meno conosciuto, può causare uno squilibrio dell’epidermide nei più giovani: “l’acido salicilico esfolia la superficie della pelle per levigarla e donarle luminosità. Lo si consiglia alle donne che hanno un’epidermide più spessa o problemi di microcisti. Non è assolutamente adatto a tutti i tipi di pelle, tanto meno ai giovani. Gli adolescenti hanno un sistema immunitario più recettivo: sono più vulnerabili agli agenti patogeni. Le creme per adulti non sono quindi destinate a loro “, prosegue la dottoressa.

Stessa osservazione per alcune formule, come i sieri alla vitamina C che possono avere un effetto disidratante e irritante se la concentrazione di attivi è troppo alta. La vitamina C viene utilizzata per prevenire l’invecchiamento cutaneo, proporla prima dei 30 anni è semplicemente ridicolo”, concorda Catherine Pannequin, dermatologa vicino a Lille. Moltiplicare creme ed esfolianti non avrebbe nulla di benefico, a qualsiasi età. Tuttavia, farlo durante l’adolescenza rischia di aggravare i problemi di acne, frequenti a questa età. Gli specialisti raccomandano per le pelli giovani e sensibili un’igiene semplice: lavarsi il viso con un sapone delicato, idratare la pelle e proteggerla il più possibile dal sole. L’unico gesto essenziale per prevenire l’invecchiamento cutaneo.