Un newyorchese senza più lavoro si è inventato la redditizia occupazione di attendere in coda ore, giorni per accaparrarsi un biglietto per I più richiesti spettacoli teatrali o per il lancio dell’ultimo iPhone

E’ buio quando arriva sempre a Times Square, dove i cartelloni pubblicitari digitali non smettono mai di proiettare luce nel cielo, illuminando gli isolati del centro. La piazza è tra le attrazioni turistiche più visitate di New York, ma in questo momento è deserta, a parte cinque persone in piedi fuori dal teatro Winter Garden. È qui che si può trovare Robert Samuel, un ex venditore di telefoni cellulari di 46 anni, il cui lavoro è ora quello di stare in coda per altre persone, per lo più benestanti. È una carriera strana, ma che ha dato a Samuel un posto in prima fila in alcuni dei più grandi eventi culturali dell’ultimo decennio – e un lavoro che forse riassume lo stato del capitalismo e la disuguaglianza nel 2022. 

Il lavoro prevede che Samuel sia seduto, in piedi, o a volte dormendo, in fila: in attesa di biglietti per il teatro, l’uscita del nuovo iPhone e che qualcuno voglia vedere una mostra d’arte francese. A seconda del concerto, Samuel cede il posto ai suoi clienti o acquista loro i biglietti per spettacoli molto richiesti. 

In questo freddo giovedì, Samuel è allegro. Indossando una felpa con cappuccio e un berretto da baseball, disimballa una minuscola tenda e una sedia da campo e si accontenta di un’attesa lunga un’ora per acquistare due biglietti per “The Music Man”. Lo spettacolo è il biglietto più richiesto della città, soprattutto perché Hugh Jackman interpreta il ruolo principale del professor Harold Hill, e per ottenere un posto i fan devono essere qui presto. Oppure pagano Samuel, che lo fa a tempo pieno da nove anni.

Per alcuni spettacoli molto richiesti Samuel ha dovuto assumere persone, inizialmente amici, per sedersi in fila con lui. I biglietti di rivendita erano disponibili online, ma addirittura per 15.000 dollari o più. Il metodo di Samuel significa che i suoi clienti ricevano biglietti urgenti, spesso in posti privilegiati, rilasciati il giorno dello spettacolo. In alcuni casi l’attesa è stata di quattro, cinque giorni facendo pagare 5.000 dollari per fare due biglietti. Ma rispetto all’acquisto di un biglietto di rivendita, era il miglior affare in città. 

Attraverso il suo lavoro Samuel è stato presente in alcuni dei momenti culturali e di vendita al dettaglio più importanti del millennio. Quando l’iPhone è diventato l’articolo di consumo più caldo del pianeta, Samuel era in coda fuori dal negozio principale dell’azienda a New York. Mentre il marchio di moda di strada Supreme ha creato un seguito di culto attraverso i suoi drop in edizione limitata, Samuel era nel suo negozio di SoHo ad acquistare magliette e felpe con cappuccio appena lanciate. 

Quando il Covid ha colpito New York Samuel ha fatto la fila per i vaccini, consentendo ai clienti con sede a New York – che spesso non vivevano nell’area in cui venivano somministrati i vaccini – di piombare al centro e farsi vaccinare. Prima della pandemia, Samuel guadagnava fino a 80.000 dollari all’anno. Ecco come contattarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.